Le autorità malesi fanno irruzione nelle fattorie illegali di bitcoin mining con 510 unità di macchine

Le autorità hanno fatto irruzione nelle fattorie minerarie illegali di Bitcoin nella zona di Seremban in Malesia e sequestrato alcune delle loro macchine minerarie, hanno riferito mercoledì i media locali.

Una multinazionale dell’elettricità e l’unica compagnia elettrica

Il Seremban City Council (MBS), in collaborazione con Tenaga Nasional Berhad (TNB), una multinazionale dell’elettricità e l’unica compagnia elettrica della Malesia peninsulare, ha fatto irruzione in nove fattorie della regione.

Dall’inizio di quest’anno, le attività estrattive di bitcoin sono in crescita nel Seremban. Tuttavia, la maggior parte delle fattorie sono definite illegali a causa della speculazione che rubano l’elettricità per effettuare le loro operazioni minerarie intorno a Mantin e Nilai Impian.

I continui furti di energia elettrica per l’estrazione di bitcoin nel paese hanno costretto le autorità ad avviare un’azione di repressione delle fattorie illegali.

Secondo il direttore dell’MBS Law and Enforcement Department, Hamizam Ahmad, le operazioni illegali costano a TNB Negeri Sembilan diverse centinaia di migliaia di ringgit a causa dell’elevato consumo energetico richiesto dall’estrazione di Bitcoin.

I luoghi dove si sono svolte le attività sono Taman Seraya

I luoghi dove si sono svolte le attività sono Taman Seraya, Batu 12 Jalan KL-Mantin, Bandar UTL e Light Industrial Area. Altre aree includono Taman Delfina e Laman Dahlia Nilai Impian, e Taman Timur Enstek. Alcuni dei locali non sono stati registrati dal Trade Licensing By-Lawsing By-Laws (UKK).

„Le indagini hanno scoperto che i nove locali facevano affari senza licenza e rubavano l’elettricità. Anche se c’era un contatore in cima alla porta del locale, era solo per l’uso delle luci per confondere le autorità“, ha detto Ahmad, aggiungendo che hanno dovuto tagliare le chiavi per accedere alle fattorie.

Durante il raid, le autorità hanno scoperto e sequestrato queste macchine da miniera; 510 unità di macchine bitcoin, rotori (4 unità), unità di elaborazione informatica (5 unità), modem (7 unità), monitor (5 unità), cavi (1 unità) e scaffali di ferro (3 unità).

Ahmad ha inoltre osservato che „l’MBS continuerà a monitorare e a condurre le operazioni sui locali per l’estrazione di valuta bitcoin che si ritiene siano in aumento in questo distretto“.